Archivio dell'autore

Babadook e l’elaborazione del lutto

di

Una casa infestata, una famiglia che prova a difendersi da un nemico invisbile, un trauma del passato che fa da sfondo alle azioni dei protagonisti: ad una prima occhiata, Babadook non sembra introdurre… Continua a leggere

Il racconto dei racconti: le fiabe secondo Matteo Garrone

di

Il genere della fiaba (se poi di vero e proprio genere si può parlare) è stato portato al cinema, per la gran parte, in due maniera: quella disneyana, più favolistica a rassicurante, e… Continua a leggere

Il Giorno Degli Zombi (1985): Il cinema “politico” di George Romero e dei suoi non-morti

di

E’ stato già detto in diverse occasioni, anche su questo blog: il cinema di genere è quello che, più di ogni altro,  riesce a trasmettere dei messaggi, a proporre una certa visione del… Continua a leggere

Boyhood: il cinema e il tempo.

di

Il cast di Boyhood si è prestato a un esperimento che non era mai stato tentato prima: interpretare i propri personaggi lungo un lasso di tempo di 12 anni. Di questa geniale trovata… Continua a leggere

La Trilogia del Cornetto: come girare delle “commedie di genere”

di

Riuscire a girare una “commedia di genere” non è certo un’impresa facile. Chi ci ha provato o ha finito col girare delle parodie di grandi classici, o è inevitabilmente scaduto nel ridicolo. Ciò… Continua a leggere

L’epica al cinema: Conan il Barbaro

di

Il cinema è sicuramente uno dei mezzi più adatti a ricreare un’ epica, una dimensione altra da quella reale, in cui far muovere personaggi che appartengono al Mito: si pensi anche solo al… Continua a leggere

Gillo Pontecorvo: il cinema d’inchiesta e la lotta per la libertà.

di

Al contrario di altri illustri esponenti del cinema d’inchiesta italiano (Rosi su tutti), Gillo Pontecorvo si è concentrato su vicende lontane dal contesto nazionale, raccontando fatti e avvenimenti  sia geograficamente che culturalmente lontani… Continua a leggere

Il Petroliere: il rapporto tra Uomo e Dio secondo Paul Thomas Anderson

di

Davanti ad una pellicola di Stanley Kubrick, si percepisce che non si sta guardando un film, ma contemplando un’opera d’arte; ogni dettaglio è perfetto, ogni movimento di macchina e ogni scelta di regia… Continua a leggere

Il cinema di Wes Anderson e l’assenza di una guida nella società contemporanea

di

Il grande tema intorno a cui ruota il cinema di Wes Anderson è il rapporto dell’uomo con la memoria e con i propri padri. Non è un caso che i suoi film siano… Continua a leggere

Visioni dal 71° Festival del Cinema di Venezia

di

Un piccione seduto su un ramo riflette sull’esistenza non è certo un film “facile” (non è un caso che a Venezia, alla fine della proiezione, si siano sentiti tanti applausi ma anche qualche… Continua a leggere

LA VERITA’ – MONSIEUR VERDOUX – LA GUERRA NEL CINEMA

di

  I grandi film americani (ma in parte anche molti film europei) hanno quasi sempre mostrato della guerra gli aspetti “onorevoli” (la liberazione di popoli oppressi, il valore e l’onore dei soldati), ma… Continua a leggere

Scarface, ovvero: perchè fare un remake?

di

E’ difficile dire cosa sia che spinge un regista a girare un remake. Le cause possono essere le più disparate: nella maggior parte dei casi, è il denaro (si pensi ai rifacimenti americani… Continua a leggere

Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto: gli anni di piombo e la conservazione di un potere immutabile

di

Cosa si può dire di un’opera massima della cinematografia italiana, già sviscerata sotto ogni punto di vista da critici più o meno illustri, come Indagine su un cittadino al di sopra di ogni… Continua a leggere

MONDIALI DISCUTIBILI – MONSIEUR VERDOUX BIS – IL MUNDIAL DIMENTICATO

di

Non so voi, ma a me di solito capita, dopo una grossa delusione calcistica (vedi alla voce: eliminazione della propria nazionale da un mondiale) di disamorarmi completamente, per un periodo più o meno… Continua a leggere

MONSIEUR VERDOUX – MONDIALI DISCUTIBILI – THE TWO ESCOBARS

di

Il 3-0 rifilato dalla Colombia alla Grecia e l’ottima impressione suscitata in me dalla nazionale sudamericana mi hanno riportato alla mente un’altra grandissima Colombia, quella di Usa ’94. O meglio, quella delle qualificazioni ad… Continua a leggere

I sei sensi – Monsieur Verdoux – Arca Russa e la percezione della bellezza

di

Attraverso la perfetta combinazione di storie, suoni e immagini, il cinema può essere capace di immergere lo spettatore in una dimensione in cui tutti e cinque i sensi sono sollecitati ed amplificati. Personalmente,… Continua a leggere

Breaking Bad: ognuno ha il destino che ha scelto di meritarsi

di

Una delle cose che più mi ha colpito di Breaking Bad (al di là della sceneggiatura solidissima, degli ottimi interpreti, e di una tensione drammatica che non cala mai nemmeno per un secondo,… Continua a leggere

GRAND BUDAPEST HOTEL

di

Quello che pensai gia’ guardando I Tenenbaum, e cioè che il cinema di Wes Anderson è davvero difficile da spiegare a parole, è ancora più vero per la sua ultima opera, Grand Budapest… Continua a leggere

RWANDA, VENT’ANNI DOPO – HOTEL RWANDA: STORIA DI UN MASSACRO IGNORATO

di

Hotel Rwanda è un film che, nonostante tratti un tema come quello del genocidio del 1994, in cui quasi un milione di appartenenti all’etnia tutsi persero la vita, massacrati a colpi di machete… Continua a leggere

PAURA – MONSIEUR VERDOUX – BERSAGLI DI PETER BOGDANOVICH: LA PAURA DI UNA VITA SENZA VIE DI FUGA

di

Il film d’esordio di Peter Bogdanovich (e, a tutt’oggi, la sua opera migliore) è un film che può essere affrontato da diversi punti di vista: lo si può considerare la celebrazione di un’epoca… Continua a leggere

Vivere la solitudine – La migliore offerta

di

Se c’è una cosa davvero difficile, è spiegare, a chi non l’ha mai vissuta,  che cos’è la solitudine. Si faccia attenzione: quando parlo di vivere la solitudine, non intendo essere soli. Soli  infatti,… Continua a leggere