Il numero 500

ammennicolidipensiero:

L’aneddoto di Barney va al di là della genialità indiscussa del numero 500. quello che lui definisce “capolavoro di creatività, ironia e cieca incoscienza” dovrebbe essere concetto base del vivere comune rispetto a una risorsa sempre più vituperata e sempre più preziosa: l’acqua. complimenti al numero 500 e grazie a barney per aver raccontato l’aneddoto. e questa sera, se possibile, chiudete il rubinetto mentre vi strofinate i denti con lo spazzolino.

Originally posted on BarneyPanofsky:

Cos’è il genio?

Se ci affidiamo a Monicelli e al suo capolavoro “Amici miei”, è fantasia, intuizione, decisione e velocità d’esecuzione.

Una buona dose di incoscienza non guasta, comunque.

Bene: ieri il genio s’è manifestato durante una prova di valutazione aziendale. Quattro ore a saggiare le competenze linguistiche, logico-matematiche, deduttive ed espositive dei dipendenti, tutti ricondotti a un numerello anonimo per salvaguardare la privacy (forse) e tranquillizzare gli esaminandi.

Io ero il numero 539 (ecco, la privacy è già andata a donnine allegre…), il genio aveva il 500.

La prima prova era rappresentata dalla redazione di un saggio breve, sul tema

Disponibilità delle risorse idriche ed equilibrio del pianeta

A corollario del titolo v’erano 6 brevi estratti da utilizzare come fonte di dati, numeri, visioni politiche, filtri per le cann; il saggio poteva essere redatto secondo due diversi ipotetici target di riferimento, il pubblico di un fantomatico convegno…

View original 979 altre parole