Nepal: seconda notte all’aperto

redpoz:

Ribloggo un post da un collega blogger che si trova in Nepal.
Da lui potete trovare molte, puntuali, informazioni sul terribile terremoto che ha colpito quel paese.
E molto altro.

Originally posted on Crespi Enrico from Nepal (and Asia):

villaggi nepalIl grande prato di Thundikel pieno di gente avvolta in coperte e saccoapelo, tende improvvisate riempono lo stadio Dasrath; ogni pazio aperto comprese i bahal dei monasteri sono pieni di gente che ha paura a tornare nelle case, molte crepate e pericolose. Tante scosse, una potente oggi alle 13. Il tempo, normalmente caldo e secco, in questa stagione ha portato oggi forti piogge (e freddo) dalle 5 di questo pomeriggio (anche l’aereoporto è stato chiuso per qualche ora).

Le notizie positive sono che è scattata, pur nel disastro, una grande cooperazione e autorganizzazione da parte delle persone, stanno arrivando massicci aiuti dall’India e l’aereoporto (intasato) funziona.

Negative sono quelle che arrivano dai villaggi, ancora pohi quelli raggiungibili: case distrutte e morti nei distretti collinari prossimi a Kathmandu come Sindupalchowk (150 vittime), Dhading, Nuwakot e la colpitissima Gorkha. Purtroppo tutto si aspettano che il conto delle bittime non si fermi a…

View original 47 altre parole