Ha senso parlare di morti di Expo?

ammennicolidipensiero:

sì. ha senso. ed è doveroso anche farlo sapere quanto più possibile.

p.s. in tema di g8 -genova-2001, vi prego di leggere anche l’articolo sulla dottoressa zaccardi (link in fondo al post)

Originally posted on giorgio:

Un ragazzo, un operaio, è morto in un cantiere. Questo è un fatto.
Questa morte è stata probabilmente causata da insufficienti misure di sicurezza. Anche questo è un fatto.
E di questi fatti qualcuno renderà conto. Il renderne conto non ci restituirà il ragazzo, ma, volendo, ci restituirà giustizia. Forse.
Ha senso parlare di morti di Expo? Ha senso, cioè, legare quella morte ad una ragione, per poter incolpare quella ragione della morte del ragazzo?
Anni fa morì un ragazzo durante l’allestimento di un palco per un concerto di un artista. Non si provò ad incolpare né l’artista né tantomeno l’abitudine di allestire concerti. Nessuno parlò di “morti di musica”.
E io sono certo che sapreste elencare un sacco di ragioni per cui oggi parlate di “morti di Expo” e ieri nessuno ha parlato di “morti di Jovanotti”. Ma non mi interessano.
Parlare di “morti di Expo” non fa cambiare…

View original 367 altre parole